Ricoveri di sollievo

Si tratta di un ricovero temporaneo per un massimo di 20 giorni per anziani non autosufficienti, al fine di consentire ai familiari di essere alleggeriti dal carico assistenziale per motivi di salute, di vacanza o altro.
Scopri a chi è rivolto e come presentare domanda.

Il servizio è rivolto ad anziani non autosufficienti residenti nel Comune ed assistiti a domicilio.

La richiesta va presentata tramite l’assistente sociale del comune di residenza che avvierà la procedura per la valutazione in U.V.M.D. con le stesse modalità dei ricoveri a lungo termine.

Il costo è identico alle tariffe previste per gli inserimenti a lungo termine. Nei posti convenzionati, la Regione contribuisce con un contributo giornaliero per coprire i costi delle prestazioni sanitarie della non autosufficienza (quota sanitaria), mentre l’ospite paga la differenza (quota alberghiera).

Per le famiglie che hanno richiesto un ricovero temporaneo di sollievo o l’accoglienza diurna presso le strutture residenziali convenzionate, a parziale copertura del costo alberghiero è previsto un contributo regionale da richiedere a fine anno.

Per ricoveri nel periodo estivo è necessaria la programmazione già dall’inizio dell’anno.

torna all'inizio del contenuto